• 22/04/2024 10:24 PM

IL VUOTO ELETTRICO

DiChristian D'antonio

Mag 18, 2015

il vuoto
Il panorama indie italiano si arricchisce di un nuovo arrivo nel regno dei professionisti che emergono dall’underground. Il Vuoto Elettrico nato a Bergamo su impulso di tre bresciani nel 2014. Si scelgono un nome che è tutto un programma (secondo album di uno dei migliori gruppi post-rock/noise italiani: SIX MINUTE WAR MADNESS) e si decidono a incidere l’anno scorso un primo album che possa racchiudere le loro influenze, dopo la gavetta in tante band locali. Per la produzione artistica si sono affidati a Fabio Magistrali (Afterhours, Il Santo Niente, Ritmo Tibale, Cristina Donà, Bugo, Perturbazione, Marta sui Tubi, Six Minute War Madness, A Short Apnea, Punkreas, Scisma), umanista, manipolatore di materia sonora e miglior produttore della scena indie nazionale.
La registrazione del disco si concretizza invece a Provaglio d’Iseo (BS) in uno splendido agriturismo e quelle tracce interesseranno non solo gli appassionati del genere della provincia italiana. Il disco di cui vi parliamo, VIRALE, è in uscita per la Banksville Records di Londra e l’italiana Dreamingorilla Records.
Il Vuoto Elettrico da un lato guarda alla poesia dei testi, dall’altro ad atmosfere industrial e rock contemporaneo, come anticipato dal singolo “Le lacrime di dio” (http://youtu.be/PsqFT-cKOnQ). La paura è il tema centrale attorno a cui ruotano tutti i brani di questo lavoro, un sentimento che come una malattia è nell’aria che respiriamo e si trasmette da corpo a corpo e da mente a mente, insinuandosi sotto la pelle e la corteccia celebrale.

Link
www.ilvuotoelettrico.it
www.facebook.com/ilvuotoelettrico

Christian D’Antonio
twitter_logo_christian

Christian D'antonio

Christian D'Antonio (Salerno, 1974) osserva, scrive e fotografa dal 2000. Laureato in Scienze Politiche, è giornalista professionista dal 2004. Redattore di RioCarnival. Attualmente lavora nella redazione di JobMilano e collabora con Freequency.it Ha lavorato per Panorama Economy, Grazia e Tu (Mondadori), Metro (freepress) e Classix (Coniglio Ed.)