• 24/06/2024

DEBUTTA AD ANCONA “LORENZO NEGLI STADI 2015”

DiLuana Salvatore

Giu 23, 2015
04lns2015
Foto: Michele Lugaresi

 

Debutta questa sera allo Stadio del Conero, “Lorenzo negli Stadi 2015” il primo tour “action poetico” per più di due ore di grande musica, consigliato a tutti i bambini da 4 a 99 anni.
La prima dello SHOW è esaurita ad Ancona (30 mila persone) così come molte altre tappe del TOUR (Milano 25/26 giugno, Firenze 4 luglio, Bologna 8 luglio, Roma 12 luglio). A Milano sono ancora disponibili circa 2000 biglietti per la terza data (27 giugno) e sono altresì disponibili pochi tagliandi per Padova (30 giugno) e per la seconda data di Firenze (5 luglio). Si stanno avviando verso l’esaurito anche le quattro date previste al sud: Messina, Pescara, Napoli, e Bari.  Lo show, prodotto da Trident Management, nasce nel 2184, spiega Lorenzo: «Lo show è la mia idea di “rock’n’roll show” oggi. Rispetto al 2013 lo spettacolo è molto più tirato, è un “action poetico” che punta dritto alla leggerezza, ha molto a che fare con la mia infanzia (“ho salutato la gioventù…per ritornare bambino”) e con il senso di stupore e di coinvolgimento che si prova prima di confrontarsi con il mondo reale, quello delle furbizie e del retropensiero.»

La BAND è quella che ha accompagnato Lorenzo negli ultimi 3 tour ed è composta da
Basso – Saturnino,
Chitarre – Riccardo Onori
Chitarre – Danny Bronzini (giovanissimo talento che è stato recentemente scoperto da Riccardo Onori in un bar di Pisa)
Piano – Franco Santarnecchi Tastiere – Christian “Noochie” Rigano
Batteria – Gareth Brown
Percussioni – Leonardo Di Angilla
Trombone – Federico Pierantoni Susaphone – Glauco Benedetti Sax – Mattia Dalla Pozza e alla Tromba il miglior allievo di Marco Tamburini, Antonello Dal Sordo.

Il SOUND è curato da un team di eccezionali professionisti composto da Pino Pischetola insieme a Leo Fresco e Daniele Tramontani. Per la prima volta in un concerto live ci sarà uno speciale filtro per la postproduzione in diretta di alcuni straordinari momenti da DJ curati da Lorenzo stesso e dal Maestro Pinaxa.

Le LUCI sono curate dal canadese Andrew J Pen che ha iniziato con Safari la sua collaborazione con Jovanotti e che incorniciano il PALCO colorato con la sua incredibile estensione che consente una visuale perfetta in ogni ordine di posto. Lo schermo di 800 mq è a forma di fulmine e ha una definizione altissima, con una nuova tecnologia 4K. Tutto il lavoro di ideazione e progettazione è cominciato più di un anno fa quando Lorenzo ha iniziato le prime riunioni con Giancarlo Sforza e la sua Utopia e con Giorgio Ioan e la sua Lemon and Pepper con cui collabora dal 1992.

05lns2015
Crediti fotografici: Michele Lugaresi

«Ho scelto il FULMINE perché è contemporaneamente il passaggio tra il cielo e la terra, energia, elettricità, rapidità, meraviglia, velocità, luce nella notte ma è anche una CREPA che dichiara la nostra fragilità che, dinamica e pericolosa, dichiara uno stato di assoluta precarietà delle cose. Avevo in mente i grandi palchi dei concerti che mi hanno fatto impazzire, i giganteschi spazi degli U2, o gli spettacoli come quelli di Springsteen, e quella cosa che riesce a trasformare uno stadio in uno spazio intimo dove è possibile il CONTATTO. »

Già solo l’inizio del concerto varrebbe un intero show. L’investimento di energia nella parte VISUAL del tour è importante come sempre negli ultimi show di Lorenzo e questa volta lo è ancora di più. Un lunghissimo lavoro di progettazione con una squadra (diretta da Sergio Pappalettera e Carlo Zoratti) di videomaker, programmatori registi, animatori, creativi e tutti i collaboratori dello Studio Pro-Design, Full Scream, Ced Pakusevskij, Sugo e il live visual di Stefano Polli, Filippo Rossi e Riccardo Cavazza.

Il film iniziale è scritto da Lorenzo in collaborazione con i due registi Antonio Usbergo e Niccolò Celaia per Younuts Production (che insieme a Salmo lo avevano diretto nel video di Sabato), con Carlo Zoratti e con l’amichevole collaborazione di Francesco Piccolo.

Tanti i ringraziamenti e le collaborazioni eccezionali. A cominciare da quella di Claudio Cecchetto che apre lo show nel ruolo del DJ che parla alla radio nell’anno 2184. Ma anche l’amico Fiorello in versione “super Fiorello”. E ancora Carlo Conti in una surreale versione del suo popolarissimo quiz e Filippo Timi che ha dato la voce ad un magico Siri/ Leonardo Da Vinci. E grazie anche a Roberto Minervini che ha concesso le straordinarie immagini del suo film per accompagnare L’Alba e a Fox National Geographic.
Grazie a Cartoon Network (canale 607 di Sky e 353 di Mediaset Premium) – partner creativo del tour – che ha realizzato un video ad hoc dove Lorenzo, grande fan della serie cult del canale Adventure Time, è proiettato nel fantastico mondo di Ooo con i due mitici protagonisti: Finn e Jake.

07lns2015
Foto: dal film iniziale con Ornella Muti

Grazie a Davide Toffolo, grande fumettista e cantante dei “Tre allegri ragazzi morti” che, in un momento particolarmente suggestivo, illustra “il dialogo tra la bionda e il gorilla”.

Grazie a Michele Truglio per la regia live, grazie a Sergio Pappalettera con cui Lorenzo ha coordinato tutta la parte visual dello show «E un immenso grazie – da parte di Lorenzo – alla Divina Ornella Muti [foto] che ha regalato allo show la sua meravigliosa e preziosa partecipazione, regina del film di inizio concerto.»

«All’inizio della scrittura dello spettacolo, – racconta Lorenzo – mentre registravo i demo di Lorenzo 2015CC, è nato il desiderio di voler realizzare un grande show per bambini di ogni età, dai 4 a 99 anni. Nel tempo le intenzioni si sono un po’ modificate ma è rimasta la spinta di base, quella di voler divertire ed emozionare evocando l’essere umano che è in noi, che si stupisce, si anima, si emoziona, si diverte, si eccita, si arrabbia, si rigenera, ama. Questo spettacolo è il frutto di un grande lavoro e figlio di un grande sogno che si realizza grazie alla mia squadra e all’affetto del pubblico.»

03lns2015
Foto: Michele Lugaresi


I COSTUMI DI SCENA
di Lorenzo e della band sono tutti originali, disegnati apposta per lo show, e sono stati ideati da Lorenzo insieme a Nicolò Cerioni: due abiti sono sviluppati, progettati e realizzati dalla prestigiosa firma di Ennio Capasa, direttore creativo di CoSTUME NATIONAL (che rinnova la sua collaborazione e la sua amicizia di tanti anni e tanti spettacoli) e due, per la prima volta, esclusivamente disegnati da Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, direttori creativi di Maison VALENTINO che collaborano per la prima volta con Lorenzo.

Gli abiti dei musicisti raccontano un mondo di storie frullate e sparate nello spazio. L’astronauta, l’indiano, la rockstar, il western_samurai, l’apprendista supereroe, lo stregone ritmico, i soldati della “forza”, Mr.T jamaicano.

02lns2015
Crediti foto: Michele Lugaresi

Lo spettacolo e l’intero progetto Lorenzo 2015CC (link alla pagina LORENZO 2015CC), uscito per Universal Music lo scorso febbraio, sono stati accompagnati dall’inizio dalle telecamere della JovaTV, curata da Lorenzo insieme a Michele Maikid Lugaresi, che ogni giorno propone contenuti esclusivi e che nel periodo dei concerti si arricchisce della presenza di alcune finestre in diretta che Lorenzo, con il supporto di Tiscali, proporrà in diretta sulla sua pagina Facebook.
Mediapartner è anche RDS che accompagna da diversi anni i concerti di Lorenzo.
Lo show è realizzato con il supporto di RedBull, Luxottica, AirBnB, Subito.it, e Bmw Italia.

Nei preshow Lorenzo ha voluto dare a giovani professionisti la possibilità di esibirsi nei pomeriggi con un loro personalissimo DJ Set, uno per ciascun concerto.
A Salmo, “uno dei rapper più interessanti del panorama dello spettacolo italiano”, Lorenzo ha affidato il compito di accompagnare il pubblico al “più grande spettacolo dopo il big bang”.

Luana Salvatore

Giornalista pubblicista, dal 2010 è editore e direttore responsabile di RioCarnival Music Magazine, nonchè co-fondatrice della omonima fanzine italiana dedicata ai Duran Duran (1987). Laureata in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo presso l'Accademia di Belle Arti di Roma (1998), ha scritto una tesi sperimentale in regia cinematografica: "Immagini per la Musica" sull'evoluzione dell'immagine del periodo British Invasion - Internet e sui video musicali. Ha fatto parte della MEDIMEX Academy e collaborato con alcune testate giornalistiche musicali, tra cui Rolling Stone e Billboard. Si interessa e scrive di Musica, Cinema, Cultura e Lifestyle. Contatti: editor@riocarnivalmagazine.it