• Sab. Apr 13th, 2024

Tiromancino e l’Indagine sui Sentimenti

DiChristian D'antonio

Mar 20, 2014

tiromancino-indagine-su-un-sentimento

Federico e Francesco Zampaglione sono l’anima dei Tiromancino, una delle band più amate dagli italiani. E sono fratelli che collaborano col papà per i testi, con la fidanzata di Francesco, Gioia Aragozzino per le musiche su un brano…l’unica che resta fuori dal disco della grande rentrèe che pubblicano questa settimana,  “Indagine Su Un Sentimento”, è Claudia Gerini, la nota attrice che è la donna della vita di Federico.

Perché oltre ai citati famigliari, nel video del singolo che segue al fortunato “Liberi” che si chiama “Immagini Che Lasciano Un Segno”, compare anche la figlia della coppia Zampaglione-Gerini che ha soli 4 anni. “Si è messa alla batteria – racconta il cantante alla presentazione dell’album – e non ne voleva sapere di lasciarci girare, voleva esserci solo lei”.

La passione per la musica è proprio di famiglia quindi in terra Tiromancino, che tornano dopo 4 anni con una major (la Sony), un album ricco di incisioni intimiste e un rinnovato entusiasmo per i live che li vedranno in giro per l’Italia questa estate. “inizieremo le prove fra 10 giorni – dicono i fratelli – e non vediamo l’ora di accostare questo lavoro ai vecchi. Siamo molto sorpresi per come è stato ricevuto il primo singolo, è una canzone che è una fotografia delle relazioni d’amore oggi, perché è oggi che si è capito che bisogna lasciarsi andare a rapporti meno opprimenti, con più consapevolezza e libertà”. Evidentemente il “romantic singer” come Zampaglione descrive scherzosamente se stesso, facendo riferimento alle sue recenti esperienze all’estero, non avrebbe potuto scrivere un testo simile anni fa, quando le canzoni d’amore della sua band erano su tutte le radio e nei film di successo. “Abbiamo ricevuto un sacco di feedback sui social network, di gente che ci ringraziava che grazia alla canzone aveva iniziato a vedere le cose in maniera diversa. E questo è davvero il compito della musica, ne siamo orgogliosi”.

Un ritorno con un album dunque che è una radiografia del sentire umano “senza le posizioni sociali e tematiche che fuoriescano da questo filone”, precisano, perché se c’erano pezzi diversi, li hanno scartati. Volevano fare un disco sui sentimenti e l’hanno consegnato così com’era “alla nostra nuova discografica che ci ha solo dato una mano per trovare il missaggio giusto, facendoci lavorare a Milano con Pino Pischetola e abbiamo rivisto il sound per dare omogeneità a l tutto”.

Nonc he la musica non abbia fatto parte della vita dei due, intendiamoci. Negli ultimi anni sono stati citati sempre da molti cantanti, e le loro canzoni sono state affidate a emergenti come Michele Bravi (“ma non l’abbiamo saputo finché non è stato pubblicato il disco”) e Chiara per dirne solo un paio. Il fatto è che Indagine su Un Sentimento arriva dopo una lunga pausa in cui Federico si è dato al cinema, facendo sceneggiature e regie di film horror che pare abbiano avuto molto successo all’estero. “Per questo gli inglesi quando mi presentavano mi dicevano “you used to be a romantic singer” e la cosa divertiva molto tutti quanti”. Recentemente un corto su Chernobyl lo ha portato a lavorare con Rai Fiction e Luca Argentero (“ma non so quando uscirà, presumibilmente nei festival “). “Ma ora è la musica che mi prende, sono anche confortato dall’aver ritrovato un clima migliore, parte della mia disaffezione per questo mondo era anche dovuta al pessimismo che si respirava per l’avvento di Internet. Ora che le cose si sono gradualmente stabilizzate, si lavora più serenamente. Ovviamente sappiamo benissimo che i guadagni non sono più quelli di un tempo, ma a noi il business non interessa molto. Vogliamo scrivere e fare sentire le nostre canzoni al pubblico”.

Christian D'antonio

Christian D'Antonio (Salerno, 1974) osserva, scrive e fotografa dal 2000. Laureato in Scienze Politiche, è giornalista professionista dal 2004. Redattore di RioCarnival. Attualmente lavora nella redazione di JobMilano e collabora con Freequency.it Ha lavorato per Panorama Economy, Grazia e Tu (Mondadori), Metro (freepress) e Classix (Coniglio Ed.)