NEL GIORNO DI SAN FRANCESCO A FOGGIA, L’ALLESTIMENTO: “CAMPO MINATO” DI LÚCIO ROSATO ALL’INTERNO DEL MONUMENTO MESSAGGERO DI UNA CULTURA DI PACE

Allestita ieri a Foggia, nel giorno di San Francesco all’interno della Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Palazzo Dogana – Monumento per una Cultura di Pace – l’installazione dell’artista abruzzese Lúcio Rosato, fruibile al pubblico per un solo giorno sino alle 20. L’installazione prevedeva 529 mine da disegno poggiate a terra, che fiancheggiano le opere di Joseph Beuys. L’evento è stato organizzato dal Collettivo Mediante di Foggia (collettivo di resistenza artistica a sostegno dell’attività culturale, NdR) e AVL, con il supporto dell’Associazione Giovanni Panunzio, Eguaglianza Legalità Diritti. Tutto è stato pensato nei minimi dettagli a partire dalla scelta del luogo, Palazzo Dogana, che è Patrimonio Testimone di una Cultura di Pace, individuato dopo un attento scouting condotto da collettivo artistico. 529 mine stanziano allineate nel silenzio del quotidiano paesaggio e come in una semina misurano il campo di grafite e di pace in attesa di ri-disegnare il mondo “Il testo con cui l’autore descrive questa installazione è particolarmente esplicito – racconta Pasquale Pilone, del Collettivo Mediante – lo sguardo di Lúcio Rosato, che per me è “il maestro”, è sempre rivolto a Sud: questo lavoro mira infatti ai territori a margine, ai confini, alle frontiere, che sono affianco a noi o, forse, dentro di noi. Credo che ospitare un qualsiasi lavoro di Lúcio Rosato sia per il nostro territorio una preziosa occasione, penso infatti alle sue “altre architetture”, ai “territori limitrofi”, al “tappeto del silenzio” o alle “cose di francesco” e da cittadino di questa città colgo il senso, la ragione e l’urgenza”.

Campo minato, si legge nella nota dell’associazione – è un momento di meditazione, un giorno per pensare, una riflessione sul significato delle cose e delle parole, sull’utilizzo proprio o improprio del nostro tempo. Un lavoro dedicato a San Francesco, pensando a quell’uomo che ha rinunciato a tutte le cose per diventare ogni cosa e si realizza a Palazzo Dogana, il Monumento Testimone di una Cultura di Pace.

Info sull’associazione: www.facebook.com/collettivomediante/ – https://linktr.ee/mediante

Info sull’artista: www.facebook.com/lucio.rosato.5/

Luana Salvatore

giornalista pubblicista, è editore e direttore responsabile di RioCarnival Music Magazine (dal 2010), nonchè co-fondatrice della omonima fanzine italiana dedicata ai Duran Duran (dal 1987). Laureata in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo presso l'Accademia di Belle Arti di Roma (1998), ha scritto una tesi sperimentale in regia cinematografica: "Immagini per la Musica" sull'evoluzione dell'immagine del periodo British Invasion - Internet e sui video musicali. Ha fatto parte della MEDIMEX Academy e collaborato con alcune testate giornalistiche musicali, tra cui Rolling Stone Italia. Si interessa e scrive di Musica, Cinema, Cultura e Lifestyle. Contatti: editor@riocarnivalmagazine.it