• Dom. Apr 21st, 2024

INTERVISTA A BENJI&FEDE: CON QUESTO LIBRO CI CONOSCERETE MEGLIO DI MAMMA E PAPA’

DiChristian D'antonio

Mar 30, 2016

benji-e-fede-vietato-smettere-di-sognare
Benji&Fede sono ormai un fenomeno della pop music italiana. Merito di canzoni orecchiabili, che parlano ai giovani e che fanno parte dell’album di debutto “20:05” che ha raggiunto il platino, il n.1 in classifica e il 32° posto nella classifica annuale degli album più venduti in Italia ed è stabile nella top 20 della classifica di vendita attuale. Ora, a meno di un anno di distanza dal loro esordio discografico, escono con un libro edito da Rizzoli, Vietato Smettere di Sognare che promette di rivelare grandi sorprese per i loro fan.

A cosa rimanda il titolo del libro?

È una frase che prima o poi ci tatueremo, è il nostro motto. Vietato Smettere di Sognare è anche valido per quando si hanno delle delusioni.

Benji & Fede con il nostro redattore Christian D'Antonio
Benji & Fede con il nostro redattore Christian D’Antonio

Avete scritto un libro per farne un film?

Siamo super-concentrati per fare un nuovo disco e non crediamo i tempi siano maturi. Magari fra due anni non sarebbe male, la cosa chiaramente ci alletta.

Raccontate di aver avuto momenti difficili, poi superati. Ma la fama porta solo gioie?

No, ma in questo caso si parla di stress, non di tensione. Tipo, quando devi essere sul palco per la prima volta come è successo al Fabrique di Milano. Non avevamo mai cantato per un’ora e mezza da soli. Oppure quando facciamo le tournèe ovunque in Italia, ci sentiamo poi un po’ sopraffatti da tanto affetto. E ci rifugiamo nel letto degli alberghi.

Chi è più teso prima di un concerto? Leggendo il libro ovviamente si capisce…

Sì, è Fede. Le prime volte doveva essere portato di peso sul palco. Ma siamo così, non siamo cambiati col successo. Ed è anche uno dei motivi per cui vi diciamo che non sappiamo se mai avessimo accettato di fare un talent show. Vogliamo che a prendere le decisioni sia il nostro duo, cioè noi.

Vi ha insegnato tanto un anno sotto i riflettori?

Sì, che innanzitutto i manager e le persone che girano intorno alla musica a volte parlano troppo. E non mantengono le promesse.

Foto_concerto_benji_e_fj --« Francesco Prandoni
foto: Francesco Prandoni

E le cose belle da colleghi, sono arrivate?

Certo, Max Pezzali e Nek ci hanno dato tanti consigli utili. Come quello di non smettere mai di suonare, ogni giorno. Perché fa crescere. E il più inaspettato è stato Roby Facchinetti. Dal nulla è venuto a salutarci e ha parlato per un’ora con noi. Siamo molto grati a tutti questi big che ci hanno sostenuto.

Vi siete presi una bella rivincita a Sanremo quest’anno, no?

Sì, ci hanno scartato l’anno scorso e quest’anno siamo andati tra i big per cantare con Alessio Bernabei. Però ci ha fatto capire pure che siamo più pronti adesso che un anno fa. Le porte in faccia fanno bene.

Che volete dire con questo libro?

Che non bisogna arrendersi, che le difficoltà che raccontiamo sono state superate. È stato un viaggio in immagini e in pensieri fare un libro così. Chi lo legge ora ci conoscerà meglio dei nostri genitori.

BenJi&Fede partono per un instore tour per firmare le copie di Vietato Smettere di Sognare

Ecco le date

31 Marzo – MODENA- (Media World Grandemilia) ore 15:30

1 Aprile – RIMINI (Romagna Shopping Valley – Savignano sul Rubicone) ore 15:30

2 Aprile – MILANO (Mondadori Piazza Duomo) ore 15:00

3 Aprile – VENEZIA (Nave da Vero – Marghera) ore 15:00

4 Aprile – TORINO (Mondadori, Via Monte di Pietà) ore 15:00

5 Aprile – FIRENZE (C.C. I Gigli) ore 16

6 Aprile – ROMA (Feltrinelli, Via Appia) ore 16:00

7 Aprile – MARCIANISE (C.C. Campania) ore 15:00

8 Aprile – NAPOLI (Feltrinelli Stazione Centrale) ore 15:00

8 Aprile – POMIGLIANO (Feltrinelli, Via Roma) ore 20:00

9 Aprile – BARI (Feltrinelli, Via Melo) ore 15:00

10 Aprile – PALERMO (Mondadori, Via R.Settimo) ore 15:00

Christian D’Antonio

Christian D'antonio

Christian D'Antonio (Salerno, 1974) osserva, scrive e fotografa dal 2000. Laureato in Scienze Politiche, è giornalista professionista dal 2004. Redattore di RioCarnival. Attualmente lavora nella redazione di JobMilano e collabora con Freequency.it Ha lavorato per Panorama Economy, Grazia e Tu (Mondadori), Metro (freepress) e Classix (Coniglio Ed.)