• 22/07/2024

Paola Turci e Walter Veltroni emozionano il grande pubblico di Lunaria

DiLuana Salvatore

Ago 4, 2015

Grande successo per l’inedita coppia sul palcoscenico di Recanati: Paola Turci e Walter Veltroni emozionano il grande pubblico di Lunaria

Turci + Veltroni (saluti)

Grandi emozioni sotto le stelle per l’inedito spettacolo di Lunaria, la Rassegna estiva di Musicultura, che propone incontri originali tra personalità della musica e di altri mondi espressivi e che ha visto sul famoso palcoscenico recanatese, per la prima volta, l’incontro tra una grande artista della musica, Paola Turci e un grande acrobata della parola, Walter Veltroni.

Piazza LeopardiPaola Turci e Walter Veltroni, tra musica e parola, hanno infiammato i cuori dei tantissimi presenti accorsi da tutta Italia per assistere ad uno spettacolo unico che rimarrà negli annali della storia di Lunaria. “La Musica è una straordinaria leva per ricordare la propria vitaper evocare una delle risorse fondamentaliche è la memoria: la nostra coscienza, se ci si spegne la memoria, divorata dalla bulimia di questo tempo frenetico e cosi incapace di razionalizzare le cose, ci spegniamo anche noi” .

Così ha aperto l’attesa notte di Lunaria Walter Veltroni, passando il testimone ad una splendida e profonda Paola Turci, paladina della canzone italiana e cantautrice da sempre amica di Musicultura che con la sua bellissima voce accompagnata da Fabrizio Fratepietro (batteria), Pierpaolo Ranieri (basso), Fernando Pantini (chitarra elettrica)ha cantato alcuni brani del suo nuovo album “Io sono” tra cui “Volo così” “Stato di calma apparente” “Questa non è una canzone” e “Io sono”.

Turci + VeltroniCentro di gravità dello spettacolo i bambini e l’importanza di rispettarli di ascoltarli, per saper cogliere quel che di nuovo e insieme di eterno possono esprimere e possono darci. Citando Antoine de Saint-Exupéry l’autore del Piccolo Principe, Veltroni introduce il tema e entra dritto nel cuore del pubblico. “ I bambini hanno una loro grande saggezza che merita di essere ascoltata, non sono argilla da modellare, sono portatori di idee di pensieri, di fantasia, sono profondi e sinceri.La sera quando si torna a casa bisogna domandare ai bambini nonquello che hanno fatto ma quello che hanno pensato, perché sicuramente ciascun bambino ha pensato a qualcosa di grande da poter migliorare la vita di tutti noi.” Su queste parole Paola Turci intona la canzone a lei molto cara sulla quale il pubblico emozionato l’accompagna“Bambini”.

A seguire poi, in un crescendo di note e sensazioni, ha cantato “Le storie degli altri” “Ringrazio Dio” e “Dio come ti amo” un omaggio a Domenico, e poi ancora “Frontiera” “Dove Colpire”.

Paola Turci (band)A sorpresa una toccante lettura da parte dei due protagonisti della serata, Walter Veltronie Paola Turci, di un memorabile articolo del 1969 di Pasolini, dove racconta di aver sognato che l’Italia fosse come un bambino. Quel bambino avvertiva di non essere amato e così decideva di uccidersi. “Se un bambino sente che non è amato e desiderato – si sente “in più” – incoscientemente decide di ammalarsi e morire: e ciò accade”.

PaolaTurci, intona le note di “Cuccuruccu” “Attraversami il cuore” “Missingyou” “Saluto l’Inverno”. Tra i bis canta senza musica “Ti amerò lo stesso” filmando con il suo telefonino il pubblico, un canto al quale si uniscono le migliaia di persone presenti nella piazza di Giacomo Leopardi.
“Questione di sguardi “ ha chiuso l’intensa e generosa performance tra gli applausi e l’entusiasmo del pubblico per questa indimenticabile notte sotto le stelle di Lunaria. Prossimo appuntamento giovedì 6 agosto con il nuovo spettacolo firmato da Piero Cesanelli “ Cuori Truffati”.

Luana Salvatore

Giornalista pubblicista, dal 2010 è editore e direttore responsabile di RioCarnival Music Magazine, nonchè co-fondatrice della omonima fanzine italiana dedicata ai Duran Duran (1987). Laureata in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo presso l'Accademia di Belle Arti di Roma (1998), ha scritto una tesi sperimentale in regia cinematografica: "Immagini per la Musica" sull'evoluzione dell'immagine del periodo British Invasion - Internet e sui video musicali. Ha fatto parte della MEDIMEX Academy e collaborato con alcune testate giornalistiche musicali, tra cui Rolling Stone e Billboard. Si interessa e scrive di Musica, Cinema, Cultura e Lifestyle. Contatti: editor@riocarnivalmagazine.it