• 20/05/2024

Cinque ragioni per cui secondo noi Renzo Rubino vi stupirà a Sanremo 2014

DiChristian D'antonio

Feb 5, 2014

untitled

Si chiama Secondo Rubino ed è il secondo disco di Renzo Rubino, il cantautore pugliese che è al suo secondo Sanremo in questo 2014. L’anno scorso ha debuttato tra i giovani e i si è aggiudicato il premio della critica e il terzo posto nella sua categoria con l’intensa Il Postino (amami uomo). Per noi, è lui l’astro nascente che farà parlare di sé maggiormente fra qualche settimana. Ecco i motivi.

1 Le due canzoni Ora e Per Sempre e poi Basta, pur non avendole potute ascoltare, sono, almeno nei testi, nella tradizione del cantautorato italiano più alto. Ed è una cosa che sorprende, visto che Rubino è nato nel 1988 e orgogliosamente oggi dice: “Ho fatto un disco senza usare nemmeno una chitarra, ci sono troppe chitarre nelle canzoni oggi”. Coraggioso.

2  A chi contesta il ritorno della canzone d’amore in un periodo di crisi così profonda, dice: “Di che cosa dovremmo parlare quando tutto intorno crolla? Vai sempre nella direzione delle rassicurazioni, e quindi gli affetti, l’amore, anche per un padre o un fratello sono il messaggio sociale più forte che si possa dare”.

3 Rubino non è un ascoltatore snob: “Mi piace sentire di tutto su Spotify, ho la mia playlist che rispecchia quello che mi piace, da Bruno Martino a Lady Gaga. Che secondo me è molto più che un fenomeno pop, c’è un’orchestrazione dietro che fa paura”.

4 L’anno scorso, con la scelta di portare sul palco un tenore si è guadagnato i complimenti di Katia Ricciarelli e Al Bano. “Il maestro mi ha chiamato perché aveva letto delle mie interviste in cui dicevo che mi doveva una cena. Era successo anni fa, in Puglia, io e il mio gruppo ci siamo autonomamente invitati sul palco di una festa paesana e abbiamo suonato prima di lui ma senza che lui sapesse. Poi gli è piaciuto quello che abbiamo fatto e ci ha fatto sapere di volerci portare a cena. Siccome poi non l’avevo più visto, ho scherzato su questa cosa. Ora mi ha invitato a Cellino San Marco. Io ci andrò e mi comprerò pure il vino”.

5 Ha deciso che la seconda volta a Sanremo sarà più godibile: “Sono andato nel pallone quando mi hanno inserito nella lista dei big lo scorso dicembre. Davvero non me l’aspettavo, ero in treno e mi sono arrivate tante telefonate. Ora ho metabolizzato e voglio andarci con calma senza drammi. L’anno scorso pure ero abbastanza a mio agio, ma alla prima esibizione mi cadde il microfono sul pianoforte. Ora mi hanno detto che hanno investito molto per comprare aste più resistenti”.

CHRISTIAN D’ANTONIO

Christian D'antonio

Christian D'Antonio (Salerno, 1974) osserva, scrive e fotografa dal 2000. Laureato in Scienze Politiche, è giornalista professionista dal 2004. Redattore di RioCarnival. Attualmente lavora nella redazione di JobMilano e collabora con Freequency.it Ha lavorato per Panorama Economy, Grazia e Tu (Mondadori), Metro (freepress) e Classix (Coniglio Ed.)